Carbonara di Nola

Monumenti Rinascimentali

Dipinto dell’Annunciazione

La Chiesa della SS. Annunziata, sebbene mostri una struttura tutt’altro che rinascimentale (come la stragrande maggioranza delle chiese del Nolano, presenta una fortissima stratificazione di periodi successivi, dal XVII al XIX secolo) conserva un dipinto raffigurante “L’Annunciazione” (Olio su tavola mis/te cm 140×240; olio su tavola mis/te cm 60×80). La tavola è inserita in un tempietto architettonico dipinto e dorato a guazzo, alla cui sommità è posto il Padre Eterno. L’autore dell’opera è il pittore Marco Mele (nato e morto a Carbonara di Nola) che ha operato tra metà XVI e XVII secolo. Molto ricercato dai nobili del tempo, ha realizzato un dipinto a Napoli, nonché in altre chiese del Nolano come l’Annunciazione per la chiesa del SS. Rosario e Corpo di Cristo di Palma Campania.  Essendo valido pittore e collaborò al fianco di Cristoforo Imparato ed altri pittori.

La tavola di Carbonara di Nola è stata recentemente restaurata e dunque riportata all’originario splendore. Infatti in seguito ad un tentativo di furto, la tavola era stata ancorata alla base dell’altare con una grossa staffa in acciaio ed inglobata alla muratura con cemento ed intonacature. Questa operazione con il tempo ha sottoposto il legno ad un continuo e diretto assorbimento di umidità. Nella zona bassa della tavola l’imprimitura ed il colore risultavano rigonfiati e distaccati. Il degrado del legno e dell’imprimitura in gesso si estendeva per un terzo dell’altezza. Distacchi e cadute di colore erano presenti alla base in corrispondenza della firma e lungo la congiunzione delle tavole.